Lo studio in casa
progetto
stato di fatto
Il cannocchiale visivo verso il terrazzo è mantenuto grazie alla disposizione della zona giorno in sequenza.

Gli spazi di servizio (bagni e guardaroba) sono concentrati nella parte della casa senza finestre.
Nei bagni, anziché il bidè, si è optato in accordo con il Committente per il doccino.

La vasca del bagno padronale si mantiene in contatto visivo con la camera da letto con una parete parzialmente vetrata, in modo da far entrare la luce naturale.





Ricavare uno studio professionale nel proprio appartamento, con sala d'attesa e servizio igienico dedicato, approfittando dello spreco di spazio nella distribuzione esistente, questa la richiesta.

La parte dedicata studio è stata collocata vicino all'ingresso che, camaleontico, diventa un angolo scrivania nel tempo libero oppure una piccola reception con attesa negli orari di lavoro.

La privacy degli spazi domestici è garantita da due grandi ante scorrevoli a scomparsa, che possono separare l'ingresso e lo studio dal resto della casa.


59 mq

©️ Fabia Ponte di Pino architetto
BACK
ARCHIMOON
MOON
FOTOGALLERY
CONTATTI
SERVIZI
CHI SIAMO
Fabia Ponte di Pino architetto
Sandra Varisco architetto
HOME